Exodus Wallet: Come Funziona il Portafoglio per Criptovalute

Exodus Wallet - Copertina

Nel vasto panorama dei portafogli per criptovalute cresce sempre di più il successo di Exodus, un wallet ricco di funzionalità pensato per fornire un servizio completo e facile da utilizzare. Una piattaforma completa, multi-criptovaluta, perfetta anche per i principianti.

Con questa guida scoprirai le recensioni del software, i vantaggi e gli svantaggi, più una guida passo passo all’utilizzo.


Exodus: cos’è

Il wallet di Exodus è un software realizzato da JP Richardson e Daniel Castagnoli nel 2015 con lo scopo di gestire e scambiare in sicurezza le criptovalute. Richardson vanta una carriera invidiabile nella creazione di diversi prodotti di criptovaluta, mentre Castagnoli ha lavorato come designer per grandi aziende come Apple, BMW, Disney, Louis Vuitton e Nike.

La loro creazione propone un modo tutto nuovo di controllare il proprio portafoglio multi- criptovaluta grazie ad un design user-friendly e un’interfaccia creativa.

Un’app realizzata e pensata da Richardson e Castagnoli soprattutto per i neofiti della criptovaluta, ma in cui non mancano funzionalità avanzate. Infatti, Exodus offre anche una funzione di trading incorporata che permette agli utenti di scambiare una valuta con un’altra.

Ma ciò che la rende un’app davvero interessante è proprio la sua facilità di utilizzo, un aspetto ideale anche per chi non ha un ottimo rapporto con la tecnologia e da non sottovalutare nel mondo del trading. Altro aspetto che rende Exodus un software di successo è l’eccezionale supporto clienti online di cui parleremo in seguito.

Ninjabet Ads - Guadagna 9€
Exodus Wallet Recensione

Exodus: Come Funziona

Exodus è un portafoglio multivaluta per desktop e smartphone facile da usare e ideale per chi si è affacciato da poco sul mondo delle criptovalute.

Il software di Exodus è compatibile con iOS, Android per smartphone ma anche per Mac, Windows e Linus.

Pur essendo un wallet gratuito, l’app di Exodus guadagna sulle commissioni applicate sugli scambi effettuati con la funzionalità di scambio integrato.

Già dal primo utilizzo dell’app è facile intuire quali siano le funzionalità principali a cui si ha accesso. Infatti, sul menu principale è possibile scegliere tra tre opzioni per iniziare ad utilizzare il software:

  1. Panoramica del portafoglio;
  2. Invio e ricezione di monete specifiche;
  3. Scambio integrato per il trading.

In più, sempre sul menu principale, vi sono altre funzionalità utili come:

  • Backup, per ripristinare la password;
  • Impostazioni: per modificare la sicurezza e il design del wallet;
  • Aiuto: una sezione in cui viene offerto un supporto all’utente;
  • App Explorer: per effettuare ricerche sull’app.
Interfaccia Exodus Wallet

Il software Exodus permette di caricare le diverse criptovalute. Inoltre, è compatibile con l’hardware Trezor. Questa collaborazione nasce dal desiderio di offrire una gestione ancora più sicura e intuitiva del portafoglio.

Grazie all’hardware, infatti, le risorse rimangono offline ma in modo sicuro.

Le monete supportate sono 115, tra cui le più importanti sono: Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin, Bitcoin Cash, Binance Coin, Tether, EOS, Monero, Dash, Ethereum Classic, Stekkar, Ontology, Tezos e Tron.

In più, Exodus permette anche di memorizzare qualsiasi token ERC-20 che ancora non è supportato dall’app.

Guida all’Utilizzo di Exodus

1. Creazione del Portafoglio

Per cominciare ad utilizzare Exodus bisogna scaricare il wallet dal sito ufficiale selezionando il sistema operativo su cui si intende installare il software. Prima di procedere al download è importante verificare che si tratti effettivamente del sito ufficiale Exodus.io, controllando il certificato di sicurezza. Questo per non rischiare di utilizzare siti web di phishing.

L’apertura di un nuovo portafoglio richiede un procedimento molto facile e intuitivo, di cui adesso vedremo i passaggi nel dettaglio.

  1. Scaricato il software si seguono le istruzioni sullo schermo per l’installazione;
  2. Una volta aperto potrai aprire il portafoglio facendo click sulla scheda “portafoglio” sulla sinistra;
  3. Clicca, poi, sulla criptovaluta da aggiungere e su “ricevi”;
  4. Ottieni il QR Code che sarà l’indirizzo del tuo portafoglio per inviare o ricevere criptovalute.

Una volta ottenuto il codice del portafoglio, l’utente potrà anche copiare l’indirizzo, stamparlo, inviarlo via e-mail o ottenere il link.

Wallet Bitcoin

2. Come inviare le criptovalute

Per inviare le criptovalute bisogna seguire pochi semplici passaggi.

  1. Clicca su portafogliosul pannello a sinistra;
  2. Seleziona la criptovaluta da inviare;
  3. Fai click su invia;
  4. Scansiona il QR Code con la fotocamera del dispositivo oppure inserisci l’indirizzo;
  5. Inserisci l’importo;
  6. Clicca su invia;

Occorre precisare, tuttavia, che il software applica delle commissioni per trasferire il più rapidamente possibile. Ciò si può tradurre nella scarsa convenienza rispetto alla concorrenza.

Inviare Criptovalute con Exodus Wallet

3. Scambiare le Criptovalute

Come anticipato nell’introduzione, il wallet di Exodus mette a disposizione degli utenti anche una funzione di trading integrata. Questo è fornito dalla piattaforma di scambio Shapeshift che rende molto semplice e veloce lo scambio di una valuta con un’altra.

Una delle funzionalità più comode di questo wallet è sicuramente l‘exchange incorporato di criptovalute. Per effettuare questa operazione, dopo aver spostato le tue criptovalute nel wallet dovrai:

  1. Cliccare su Exchangesulla sinistra;
  2. Selezionare la criptovaluta da cambiare e quella da ricevere;
  3. Fare click su “Exchange”;

Durante l’operazione comparirà sullo schermo il tasso di cambio corrente tra le due criptovalute selezionate.

Exchange Incorporato

4. Aggiungere token personalizzati

Anche se non sono presenti in Exodus è possibile archiviare nel portafoglio i token ERC20. Infatti, i portafogli Ether e tutti i token ERC20 condividono lo stesso indirizzo. Per farlo dovrai:

  1. Trovare il tuo indirizzo Ethereum seguendo i passaggi precedenti sulla ricezione di criptovalute;
  2. Inviare il token dal portafoglio in cui è memorizzato al tuo indirizzo Ethereum Exodus.

Non essendo supportati dal wallet non verranno visualizzati come le altre monete, ma niente panico. Infatti, per verificare che siano effettivamente arrivati basta inserire l’indirizzo pubblico di Ethereum su un blockchain explorer di Ethereum.

Assistenza di Exodus

Come abbiamo anticipato, uno dei valori più importanti per Exodus è il supporto offerto all’utente. Tra le recensioni del software, infatti, tantissimi utenti apprezzano il supporto offerto.

Il team di assistenza di è molto attivo e attento alle richieste di supporto, come testimoniano le numerose recensioni degli utenti.

Le opzioni di supporto sono:

  • Video di supporto/guida;
  • Help desk;
  • Canale Twitter;
  • Canale Slack;
  • Assistenza tramite e-mail;
  • Pagina Facebook.

In più, sul sito ufficiale di Exodus l’utente può consultare tantissime guide utili sul blog, complete di video, che introducono al trading e al mondo delle criptovalute, ottime per i principianti.

La tanto apprezzata assistenza rappresenta uno dei punti di forza di Exodus. Questo perché un buon supporto è assai difficile da trovare in questa realtà.

Exodus è sicuro?

È bene spendere due parole anche sulla sicurezza di Exodus. In generale, possiamo dire che il software, trattandosi di un portafoglio online, può considerarsi sicuro e affidabile rispetto alla concorrenza.

In più, è doveroso tenere presente che Exodus non mette a disposizione protezioni di alto livello come fanno altri software. Infatti, non offre ad esempio l’autenticazione a due fattori o un indirizzo multi-firma.

Proprio per tale motivo l’azienda stessa del wallet sconsiglia di salvare grandi quantità di criptovalute sul wallet.

Per garantire una maggiore sicurezza Exodus permette di effettuare un blocco automatico del portafoglio dopo un periodo di tempo prestabilito.

Inoltre, per ripristinare il portafogli nel caso di smarrimento o furto del dispositivo su cui è installata l’applicazione ci sono due modalità.

La prima è quella di utilizzare una passphrase di 12 parole fornita al momento della registrazione dell’account. È, perciò, importante memorizzarla in modo sicuro. La seconda modalità, invece, è quella di ripristinare la posta elettronica e, di conseguenza, anche il l’account Exodus.

In conclusione, possiamo dire che questo wallet è più sicuro di un portafoglio web ma meno sicuro di un portafoglio cartaceo o hardware.

Conclusioni

Ora che abbiamo compreso quali sono le funzionalità di Exodus e le modalità di utilizzo del software possiamo tirare le somme e capire perché è diventato uno dei migliori strumenti sul mercato di oggi.

Uno degli aspetti più importanti che fa di Exodus un ottimo sistema è la sua usabilità. Questa caratteristica lo rende facile da utilizzare anche dai principianti e neofiti, oltre ad essere piacevole alla vista.

Un’altra qualità che caratterizza questo wallet di criptovalute è, come testimoniano le recensioni degli utenti, l’ottima assistenza clienti, rapida ed efficace nella risoluzione dei problemi.

Terzo aspetto interessante da prendere in considerazione nella scelta del portafoglio è la sua capacità di supportare più valute che permette all’utente di fare trading più facilmente.

Infine, una funzionalità molto comoda è quella dell’adeguamento automatico delle tariffe al momento dello scambio.

Di contro, gli svantaggi di Exodus sono fondamentalmente due, come abbiamo avuto modo di vedere. Il primo è il rischio sulla sicurezza che può essere corretto nel tempo. Il secondo, invece, sono le commissioni elevate.

Per concludere, possiamo dire che Exodus è un ottimo portafoglio web, perfetto per chi vuole dedicare del tempo alle criptovalute per effettuare piccoli acquisti.

L'articolo potrebbe contenere dei e link affiliati. Per maggiori informazioni, visita la pagina disclaimer.